Allergia al nichel: diagnosi e desensibilizzazione

allergia al nichel diagnosi e desensibilizzazione

L’allergia al nichel si manifesta tipicamente attraverso reazioni cutanee, inclusa la dermatite atopica. I medici possono diagnosticare questa condizione in diversi modi, a seconda del percorso di esposizione, che può avvenire tramite il contatto con oggetti contenenti nichel, acqua o cibo. Esaminiamo alcuni dei modi più comuni per diagnosticare l’allergia al nichel.

Patch test – Uno dei modi più comuni per identificare l’allergia da contatto dovuta alla sensibilizzazione a una sostanza specifica, con il nichel, è il patch test. Diverse concentrazioni di solfato di nichel possono essere utilizzate, ad esempio, il 5% in Europa e la metà di questa quantità negli Stati Uniti. I soggetti che rispondono a questo test di solito tendono ad avere reazioni forti. Come per qualsiasi altro test diagnostico, possono verificarsi sia risultati falsi positivi che falsi negativi. In particolare:

  • Reazioni false positive con reazioni follicolari irritative al patch test possono verificarsi senza una reale sensibilizzazione.
  • Sono possibili anche reazioni false negative. Tuttavia, quando vi è un forte sospetto che un individuo sia allergico al nichel, il medico può ripetere il test utilizzando il 5% di cloruro di nichel e sostanze che aumentano la penetranza nella pelle (ad esempio, DMSO). In alternativa, il medico può graffiare leggermente la pelle prima di applicare il cerotto.

Una formazione specifica aiuta a rendere l’interpretazione di questo test più accurata e a distinguere l’allergia al nichel dalle reazioni irritative generiche. Ciò è particolarmente importante per i test allergologici al nichel perché diversi specialisti (ad esempio, pediatri, allergologi, medici generici) li utilizzano.

Il test di proliferazione linfocitaria – Questo test valuta una reazione ritardata dovuta ad ipersensibilità. Questo test fornisce un risultato positivo quando un antigene (in questo caso, il nichel) stimolando la proliferazione di cellule T antigene-specifiche in vitro. Un risultato positivo indica semplicemente una sensibilità generica al nichel.

Prick test – Questo test, che negli adulti viene eseguito sull’avambraccio, è anche chiamato scratch test. Il prick test permette diidentificare reazioni allergiche immediate a una sostanza specifica e i medici di solito lo utilizzano per diagnosticare allergia a pollini, muffe, peli di animali domestici, acari della polvere e allergie alimentari. Il prick test può aiutare a collegare l’orticaria da contatto con un’allergia al nichel.

Test intradermico – Prevede l’iniezione di una piccola quantità dell’allergene sospetto sotto la cute. È un altro test cutaneo che aiuta a determinare se un individuo è allergico a un allergene specifico, ad esempio il nichel. Anche se questo test è usato raramente nella pratica clinica, può fornire alcune informazioni aggiuntive in caso di un risultato borderline o poco chiaro ottenuto da un patch test. I risultati dubbi possono essere falsi positivi o risultati falsi negativi in ​​cui il test intradermico può aiutare a confermare un forte sospetto clinico di dermatite dovuta all’allergia al nichel. (Möller, 1989) I medici che usano questo test con diverse titolazioni possono anche identificare fino a che punto un individuo è sensibile all’esposizione al nichel. Un patch test positivo non dice nulla riguardo al livello individuale di sensibilità al nichel. (Meneghini e Angelini, 1979)

Diagnosi di allergia al nichel nei bambini

allergia al nichel nei bambini

È comune testare le allergie alimentari nei bambini di età inferiore ai cinque anni che sono affetti da dermatite atopica moderata o grave. Quest’ultimo caso è particolarmente comune nei bambini con dermatite atopica intrattabile, che non guarisce con i trattamenti standard e gli unguenti topici. Anche i bambini che manifestano una reazione immediatamente dopo aver ingerito un alimento specifico dovrebbero essere testati per l’allergia al nichel. (Boyce et al., 2011; De Bruin et al., 2013)

Se si sospetta una reazione immediata, il test può includere sia un prick test cutaneo che test IgE sierici specifici per il nichel. Tuttavia, questi ultimi test possono solo indicare se esiste una generica sensibilizzazione. Qualsiasi risultato positivo deve essere sempre confermato da un test di provocazione (vedi sotto). Il patch test è considerato sicuro nei bambini, sebbene sia necessaria cautela quando si valutano le reazioni positive. Alcune limitazioni includono la piccola superficie del patch test e il fatto che i bambini potrebbero essere iperattivi e causare una perdita di materiali per il patch test, soprattutto i più piccoli.

Dieta a basso contenuto di nichel

dieta a basso contenuto di nichel

In un altro post ho già discusso di alcuni alimenti esclusi da una dieta a basso contenuto di nichel. Quest’ultima può essere uno strumento prezioso per confermare una diagnosi di allergia al nichel. La tabella seguente riassume l’elenco degli alimenti che sono consentiti e non consentiti in questo tipo di dieta.

Istruzioni per la dieta a basso contenuto di nichel
Cibi consentitiCibi non consentiti
Carni (tutte, compreso il pollame)Alimenti (soprattutto acidi) cotti in utensili di acciaio inossidabile
Pesce (eccetto aringhe, salmone e crostacei)Cibi e bevande in scatola
UovaAringhe, crostacei, salmone
Latte e latticiniGrassi, margarina
Prodotti a base di cerealiFarine integrali
Riso brillatoLievito in polvere
PastaCacao, cioccolato
Prodotti da forno (tranne i cereali integrali)Ananas, fragole, lamponi
Frutta frescaArachidi, mandorle, nocciole
Verdure (piccole quantità): cavolfiore, cavolo cappuccio, broccoli, patate, carote, barbabietole, aneto, melanzane, cetrioli, funghi, prezzemoloLegumi: piselli, lenticchie, fagioli, proteine della soia in polvere, Verdure: cipolle, pomodori, rabe, spinaci, cavoli, cavoli, lattuga, porri, asparagi.
Bevande: Caffe, Vino, birraGelatina, frutta secca (datteri, fichi, prugne, ananas, ecc.), liquirizia

Test di provocazione al nichel in doppio cieco controllato con placebo

test di provocazione al nichel in doppio cieco controllato con placebo

Il metodo “gold standard” per diagnosticare allergie o intolleranze alimentari è la dieta di eliminazione e il corrispondente test di provocazione in doppio cieco controllato con placebo. Una questione ancora discussa è come strutturare una dieta di eliminazione e quali sono delle dosi adeguate per il test di provocazione.

Un protocollo per il test di provocazione al nichel è stato proposto e chiaramente descritto da Antico e Soana (2015). Secondo questi autori, il test deve essere condotto in regime di day hospital utilizzando una serie di dosi non cumulative di 0,5, 1, 5, 10 e 20 mg di nichel solfato esaidrato, che sono equivalenti, rispettivamente, a 0,11, 0,22, 1,11, 2,23 e 4,47 mg di nichel elementare. Tre capsule di placebo vengono aggiunte casualmente alla sequenza delle dosi di cui sopra, che aumentano dalla dose più bassa a quella massima (ad esempio: 0,5 mg, placebo, 1 mg, 5 mg, placebo, 10 mg, placebo e 20 mg). Gli individui sottoposti a questo test dovrebbero assumere una capsula al giorno ogni mattina dopo un digiuno notturno a stomaco vuoto per un massimo di otto giorni.

I pazienti registrano quindi tutti i sintomi riscontrati dopo aver assunto ciascuna capsula (dose), insieme al momento in cui si è verificata, all’intensità e alla durata della reazione. I pazienti che riportano sintomi vengono sottoposti a un controllo medico. Un challenge test è positivo quando provoca una ricaduta o un’esacerbazione delle manifestazioni cliniche di allergia al nichel dopo l’ingestione di una delle suddette dosi di nichel, ma non dopo aver assunto una capsula di placebo. Le reazioni comuni al test di provocazione includono aumento di> 60% del punteggio della mappa della pelle.

Non c’è un accordo esplicito sulle dosi che possono indurre una risposta positiva durante un test di provocazione. Nella maggior parte degli studi, gli scienziati hanno utilizzato dosi che superano fino a 10 volte la quantità di nichel normalmente presente nella dieta di un individuo medio. (Jensen et al., 2003; Nielsen et al., 1999; Uter et al., 2009; Thyssen et al., 2010; di Gioacchino et al., 2000; Tammaro et al., 2011; Ricciardi et al., 2014; Pizzutelli, 2011; Jensen et al., 2006)

Il test del nichel ha un alto grado di specificità, il che significa che è molto probabile che dia risultati negativi in ​​soggetti sani e in un paziente il cui eczema o dermatite alla mano non è dovuto alla sensibilizzazione al nichel. (Antico e Soana, 1999; Jensen et al., 2003; Nielsen et al., 1999) Un patch test positivo può aiutare a confermare ulteriormente un risultato positivo di un challenge test al nichel. (Jensen et al., 2003; 2006; Hindensen et al., 2001; Christensen et al., 1981)

I pazienti che soffrono di orticaria idiopatica o di un’altra dermatite allergica non mediata da IgE che hanno reagito positivamente a un patch test con nichel devono iniziare una dieta a basso contenuto di nichel e confermare la loro sensibilità al nichel tramite un DBPCNC. (Antico e Soana, 2015)

I sintomi più comuni dell’allergia al nichel includono un’eruzione cutanea o protuberanze sulla pelle, prurito (che, in alcuni casi, può essere grave), arrossamento o cambiamenti nel colore della pelle e chiazze secche di pelle simili a un’ustione. In particolare, la dermatite atopica è un sintomo comune tra i soggetti con allergia alimentare. Sebbene le reazioni cutanee immediate al cibo siano ben note, a volte l’allergia alimentare può manifestarsi anche attraverso una reazione eczematosa tardiva. In questi ultimi non sono disponibili accurati test di laboratorio per verificare l’associazione con un’allergia alimentare, compresa l’allergia al nichel da alimenti, in quanto la fisiopatologia di quest’ultima non è chiara. Pertanto, il testo di scatenamento in doppio cieco rappresenta il metodo “gold standard” per la diagnosi delle reazioni eczematose tardive. Con questo metodo, è fondamentale estendere il periodo di osservazione a 48 ore. Una dieta di eliminazione può continuare per un mese fino a un massimo di sei settimane. (Werfel et al., 2007) Il motivo per cui le allergie alimentari sospette richiedono la conferma tramite il test di scatenamento alimentare è che è possibile che i sintomi della dermatite atopica migliorino semplicemente per coincidenza o a causa dell’effetto placebo. (Katta e Schlichte, 2014)

Desensibilizzazione dall’allergia al nichel

desensibilizzazione al nichel

Alcuni pazienti con allergia al nichel si sottopongono a terapie chelanti mediante somministrazione orale di un agente chelante al nichel, come il disulfiram, per ridurre i sintomi. Quest’ultimo trattamento può portare beneficio ai pazienti allergici al nichel con eczema della mano (Fowler, 1992), sebbene in alcuni pazienti sia possibile anche la desensibilizzazione agli effetti del nichel.

Poiché la sensibilizzazione al nichel è un processo immunologico specifico, è possibile indurre una tolleranza immunitaria a questo metallo.

Somministrando solfato di nichel a individui sensibili, è possibile indurre una tolleranza orale al nichel in un certo arco di tempo. Questa possibilità apre una nuova porta in termini di nuovi trattamenti per l’allergia al nichel. (Sharma, 2007).

È noto che le terapie di desensibilizzazione basate su una specifica somministrazione orale hanno un discreto successo (Minelli et al., 2010), ma la loro efficacia, risultato e stabilità variano individualmente (Bonamonte et al., 2011; Tammaro et al., 2009).

Un trattamento orale controllato con minuscole dosi di solfato di nichel può indurre immunotolleranza specifica, inclusa la riduzione o la soppressione dei sintomi (Cirla, 2011).

Il solfato di nichel (5 mg / settimana per sei settimane) riduce significativamente il grado di allergia da contatto quando somministrato a pazienti allergici al nichel (Sjovall et al., 1987), così come confermato tramite patch test.

Minelli et al. (2010) hanno dimostrato che l’iposensibilizzazione orale con dosi crescenti di solfato di nichel (da 0,3 ng a 3000 ng a settimana) combinata con una dieta di eliminazione può indurre la remissione parziale o totale dei sintomi dopo un anno e quattro mesi. Dei 24 soggetti arruolati in questo studio, 20 sono rimasti senza sintomi dopo aver reintrodotto alimenti contenenti nichel nella loro dieta. Il termine “vaccinazione al nichel” è spesso usato per identificare trattamenti iposensibilizzanti orali commerciali disponibili in alcuni paesi. Tuttavia, l’efficacia di questi trattamenti deve ancora essere definitivamente dimostrata. (Minelli, 2005)

In un altro studio, Panzani et al. (1995) hanno mostrato la completa scomparsa dei sintomi dopo un anno in 29 soggetti allergici su 30 trattati con solfato di nichel orale (0,1 ng / giorno) e che avevano seguito una dieta a basso contenuto di nichel per un determinato periodo. Il restante paziente beneficia di una parziale riduzione dei sintomi. Questi soggetti hanno anche guadagnato un aumento della tolleranza, come dimostrato dai test di provocazione orale. Tuttavia, i risultati dei patch test sono rimasti invariati in venti partecipanti, mentre cinque hanno registrato una riduzione della positività e i restanti cinque hanno avuto un risultato negativo del patch test. Un altro autore ha pubblicato risultati simili (Bagot et al., 1995).

I risultati di tutti questi studi suggeriscono che l’iposensibilizzazione con solfato di nichel orale è un’opzione promettente per il trattamento dei soggetti allergici al nichel.

Allergia al nichel, diagnosi e desensibilizzazione: conclusioni

allergia al nichel: diagnosi e desensibilizzazione

L’allergia al nichel può essere diagnosticata in modi diversi, sebbene il test di scatenamento alimentare in doppio cieco con placebo seguito da una dieta di esclusione del nichel per confermare i risultati rimane il test “gold standard” per la diagnosi di allergia alimentare al nichel. Se i sintomi scompaiono dopo una dieta priva di nichel, è appropriato anche impostare una terapia di desensibilizzazione. Quest’ultima ha mostrato alcuni vantaggi. È essenziale considerare che una dieta priva di nichel esclude molti alimenti consigliati dalle raccomandazioni dietetiche ufficiali, come pesce, noci, cereali integrali, legumi e altri e che quindi non sia da considerare una dieta salutare.

Referenze bibliografiche

Antico A, and Soana R. Chronic allergic-like dermopathies in nichel-sensitive patients. Results of dietary restrictions and challenge with nichel salts. Allergy Asthma Proc 20:235–242, 1999.

Antico A, and Soana R. Nichel sensitization and dietary nichel are a substantial cause of symptoms provocation in patients with chronic allergic-like dermatitis syndromes. Allergy Rhinol 6:e56 –e63,2015.

Bagot M, Charue D, Flechet ML, Terki N, Toma A, Revuz J. Oral desensitization in nichel allergy induces a decrease in nichelspecific T-cells. Eur J Dermatol 1995;5:614-7.

Bonamonte, D., Cristaudo, A., Nasorri, F., Carbone, T., De Pità, O., Angelini, G., et al. (2011). Efficacy of oral hyposensitization in allergic contact dermatitis caused by nichel. Contact Dermatitis, 65(5), 293–301.

Boyce JA, Assa’ad A, Burks AW, et al. Guidelines for the diagnosis and management of food allergy in the United States: summary of the NIAID-sponsored expert panel report. J Am Acad Dermatol. 2011;64:175–192.

Christensen OB, Lindstrom C, Lofberg H, et al. Micromorphology and specificity of orally induced flare-up reactions in nichel-sensitive patients. Acta Derm Venereol 61:505–510, 1981.

Cirla AM. Systemic nichel allergy syndrome. Biological monitoring of dietary nichel intake and induction of immunotolerance. Clinical and Translational Allergy 1(Suppl 1):P108, 2011.

deBruin Weller MS, Rockmann H, Knulst AC, Bruijnzeel-Koomen CA. Evaluation of the adult patient with atopic dermatitis. Clin Exp Allergy. 2013;43(3):279–291.

Di Gioacchino M, Boscolo P, Cavallucci E, et al. Lymphocyte subset changes in blood and gastrointestinal mucosa after oral nichel challenge in nichel-sensitized women. Contact Dermatitis 43:206 –211, 2000.

Fisher AA. The dimethylglyoxime test in the prevention and management of nichel dermatitis. Cutis. 1990;46:467.

Fowler JF. Disulfiram is effective for nichel allergic hand eczema. Am J Contact Dermatitis. 1992;3:175.

Hindensen M, Bruze M, and Christensen OB. Flare-up reactions after oral challenge with nichel in relation to challenge dose and intensity and time of previous patch test reaction. J Am Acad Dermatol 44:616 – 623, 2001.

Jensen CS, Menne’ T, and Johansen JD. Systemic contact dermatitis after oral exposure to nichel: A review with a modified meta-analysis. Contact Dermatitis 54:79 – 86, 2006.

Jensen CS, Menne’ T, Lisby S, et al. Experimental systemic contact dermatitis from nichel: A dose-response study. Contact Dermatitis 49:124 –132, 2003.

Katta R. and Schlichter M. Diet and Dermatitis: Food Triggers. J Clin Aesthet Dermatol. 7(3):30-6, 2014.

Meneghini C, Angelini G. Intradermal test in contact allergy to metals. Acta Derm Venereol Suppl (Stockh). 1979;59(85):123–124.

Minelli M, Schiavino D, Musca F, Bruno ME, Falagiani P, Mistrello G, et al. Oral hyposensitization to nichel induces clinical improvement and a decrease in TH1 and TH2 cytokines in patients with systemic nichel allergy syndrome. Int J Immunopathol Pharmacol. 2010;23(1):193-201.

Minelli M. Nichel vaccination: today and tomorrow. Int J Immunopathol Pharmacol. 2005;18(4 Suppl):19–20.

Minelli, M., Schiavino, D., Musca, F., Bruno, M. E., Falagiani, P., Mistrello, G., et al. (2010). Oral hyposensitization to nichel induces clinical improvement and a decrease in TH1 and TH2 cytokines in patients with systemic nichel allergy syndrome. International Journal of Immunopathology and Pharmacology, 23(1), 193–201.

Möller H. Intradermal testing in doubtful cases of contact allergy to metals. Contact Dermatitis. 1989;20(2):120–123.

Nielsen GD, Soderberg U, Jorgensen PJ, et al. Absorption and retention of nichel from drinking water in relation to food intake and nichel sensitivity. Toxicol Appl Pharmacol 154:67– 75, 1999.

Panzani RC, Schiavino D, Nucera E, Pellegrino S, Fais G, Schinco G, et al . Oral hyposensitization to nichel allergy: Preliminary clinical results. Int Arch Allergy Immunol 1995;107:251-4.

Pizzutelli S. Systemic nichel hypersensitivity and diet: Myth or reality? Eur Ann Allergy Clin Immunol 43:5–18, 2011.

Ricciardi L, Arena A, Arena E, et al. Systemic nichel allergy syndrome: Epidemiological data from four Italian allergy units. Int J Immunopathol Pharmacol 27:131–136, 2014.

Rietschel RL, Fowler JF. Contact dermatitis and other reactions to metals. In: Rietschel RL, Fowler JF, editors. Fisher’s contact dermatitis 4th ed. New York: Williams and Wilkins; 1996. p. 857.

Sharma A. Relationship between nichel allergy and diet. Indian Journal of Dermatology, Venereology, and Leprology 73(5): ,2007

Sjovall P, Christensen OB, Moller H. Oral Hyposensitization in nichel allergy. J Am Acad Dermatol. 1987;17:774–778.

Sjovall P, Christensen OB, Moller H. Oral hyposensitization in nichel allergy. J Am Acad Dermatol 1987;17:774-8.

Tammaro A, Narcisi A, Persecnino S, et al. Topical and systemic therapy for nichel allergy. Dermatitis 22:251–255, 2011.

Tammaro, A., De Marco, G., Persechino, S., Narcisi, A., & Camplone, G. (2009). Allergy to nichel: First results on patients administered with an oral hyposensitization therapy. International Journal of Immunopathology and Pharmacology, 22(3), 837–840.

Thyssen JP, and Menne’ T. Metal allergy-a review on exposures, penetration, genetics, prevalence, and clinical implications. Chem Res Toxicol 15:309 –318, 2010.

Uter W, Ramsch C, Aberer W, et al. The European baseline series in 10 European Countries, 2005/2006. Results of the European surveillance system on contact allergies (ESSCA). Contact Dermatitis 61:31–38, 2009.

Werfel T, Ballmer-Weber B, Eigenmann PA, et al. Eczematous reactions to food in atopic eczema: position paper of the EAACI and GA2LEN. Allergy. 2007;62(7):723–728.

Gianluca Tognon

Gianluca Tognon

Gianluca Tognon è un biologo specializzato in scienza dell’alimentazione. Ha lavorato per diversi anni come ricercatore presso l’Università di Göteborg in Svezia ed è docente presso l'università di Skövde in Svezia. In Italia ha pubblicato cinque libri su diversi temi legati all’alimentazione e alla nutrizione ed è co-autore di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali.

Leave a Replay

About Me

I’m an Italian nutrition coach, speaker, entrepreneur and associate professor at the University of Gothenburg. I started MY career as a biologist and spent 15 years working both in Italy and then in Sweden.

Recent Posts

Sign up for our Newsletter

We never send Spam

TORNA SU
Shares

Privacy Preference Center

Necessario

Determina se il visitatore ha accettato la casella del consenso sui cookie. Ciò garantisce che la casella del consenso sui cookie non verrà più presentata al momento del rientro

_cmpQcif3pcsupported

Pubblicità

Si tratta di cookie utilizzati da Google AdWords per monitorare il rendimento della pubblicità e offrire pubblicità ai visitatori in base ai siti Web visitati in precedenza.

ANID

analitica

Questi cookie sono utilizzati per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il nostro sito. Utilizziamo le informazioni per compilare report e per aiutarci a migliorare il Sito. I cookie raccolgono informazioni in forma anonima, compreso il numero di visitatori del Sito, da dove i visitatori sono giunti al Sito e le pagine che hanno visitato. Se non autorizzi questi cookie, non saremo in grado di includere la tua visita nelle nostre statistiche.

_ga, _gat, _gid, UULE, fca_eoi_pagecount, 1P_JAR

Comportamentale

Google imposta un numero di cookie su qualsiasi pagina che include una mappa di Google. Sebbene non abbiamo alcun controllo sui cookie impostati da Google, sembrano includere una serie di informazioni per misurare il numero e il comportamento degli utenti di Google Maps.

SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID