La gestione dietetica della colite ulcerosa

la gestione dietetica della colite ulcerosa

La colite ulcerosa (CU) è una malattia infiammatoria intestinale che causa uno squilibrio della mucosa del colon e una funzione di ricaduta del colon. Nella proctite, che rappresenta circa il 50% dei casi di colite ulcerosa, l’area interessata è solo il retto. Nella colite del lato sinistro (30% dei casi), l’infiammazione si estende a una parte del colon. Nel 20% dei casi, l’intero colon è interessato, che si chiama pancolite. La CU è una disabilità permanente che non ha ancora cura e anche la causa della malattia è sconosciuta. L’aspettativa di vita dei pazienti con CU non è ridotta a causa della malattia, sebbene la qualità della vita sia gravemente influenzata. L’infiammazione può arrivare a periodi, il che significa che ci sono riacutizzazioni e remissioni.

Per quanto riguarda il periodo di remissione, può durare da settimane anche ad anni, quando il paziente è completamente privo di sintomi e non ha alcun dolore. I pazienti hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia dai 15 ai 30 anni. Secondo gli ultimi risultati, gli uomini hanno la stessa probabilità di ammalarsi delle donne. Pertanto, non vi è alcuna differenza significativa tra i due sessi.

Le cause della colite ulcerosa sono oggi sconosciute alla comunità scientifica, ma alcune speculazioni possono giocare un ruolo. Una combinazione di genetica, fattori ambientali e un sistema immunitario eccessivamente attivo potrebbe scatenare questa malattia. Il fattore più potente sembra essere la presenza di un sistema immunitario iperattivo. In questo caso, le cellule immunitarie del paziente si rivolgono contro il rivestimento interno dell’intestino crasso, causando una grave infiammazione. Perché proprio l’eccessiva risposta immunitaria viene attivata non è noto. I fattori ambientali includono antibiotici, FANS (farmaci antinfiammatori), contraccettivi orali o una dieta ricca di grassi possono aumentare il rischio di sviluppare UC.

Per quanto riguarda la genetica, non è chiaro quale gene renda più probabile la generazione della malattia, ma esistono correlazioni tra i fattori genetici e la malattia. In circa il 20% dei casi, il paziente con colite ulcerosa ha un familiare stretto affetto dalla malattia. Lo stress fisico ed emotivo e alcuni tipi di cibo potrebbero scatenare la malattia, ma non la causano esclusivamente.

Segnali e sintomi della colite ulcerosa

malattie infiammatorie intestinali

I sintomi della CU variano da diarrea episodica o cronica, crampi addominali, mal di stomaco o fastidio costante, tenesmo, che è un’inclinazione continua o ricorrente ad abbandonare l’intestino, la sensazione di voler andare in bagno tutto il tempo, anche quando le viscere sono vuote. In molti casi, la diarrea può presentarsi con sangue o muco. I sintomi frequenti e conseguenti includono una grave perdita di peso, anoressia, febbre e malessere.

Non ci sono segni di previsione della malattia. Una volta che i pazienti iniziano a sviluppare i sintomi, è necessario un esame approfondito. I sintomi iniziali possono includere febbre, dolore addominale, diarrea, tachicardia e addome disteso. I segni extra-intestinali includono clubbing, ulcere aftose orali, eritema nodoso, pioderma gangrenoso, congiuntivite, episclerite, artrite articolare considerevole, spondilite anchilosante, colangiocarcinoma, irite, deficit nutrizionale o amiloidosi.

Test per la diagnosi di colite ulcerosa

test per la diagnosi di colite ulcerosa

Alcuni test possono aiutare a diagnosticare la colite ulcerosa, incluso un esame del sangue ad ampio raggio che controlla i seguenti fattori: FBC, ESR, CRP, U&E, LFT, emocoltura. È necessario prelevare e analizzare campioni di feci per escludere altre infezioni batteriche causate da Campylobacter, Salmonella, Shigella, C. difficile, E. coli o amebe. Nella maggior parte dei casi, la colonscopia consente al medico di eseguire una biopsia e mostrare la gravità della malattia. Aiuta anche a cercare infiltrati infiammatori, deplezione delle cellule caliciformi, distorsione ghiandolare, ulcere della mucosa e ascessi della cripta.

Terapia della colite ulcerosa

STEROIDI

Diverse terapie farmacologiche possono gestire i sintomi. Forse una delle scelte ovvie con cui i medici possono iniziare a trattare il paziente sono i farmaci steroidei, ad esempio sulfasalazina, mesalazina o prednisolone. Questi farmaci, tuttavia, possono presentare gravi effetti collaterali, come dolori articolari causati da gonfiore e ritenzione di liquidi, depositi di grasso su collo, viso e addome, affaticamento e ipertensione. Può causare problemi psicologici, tra cui delirio, perdita di memoria o continui cambiamenti dell’umore che possono portare a una grave depressione. Nei casi più gravi, l’idrocortisone può aiutare.

IMMUNOMODULATORI

Gli immunomodulatori possono anche aiutare quando gli steroidi hanno fallito o quando è necessaria una terapia prolungata. Possono supportare le funzioni immunitarie modificando la risposta immunitaria a uno stimolo. Creano un modo più vantaggioso per rispondere alle minacce allenando il sistema immunitario. Esiste un’ampia varietà di immunomodulatori: azatioprina, metotrexato, infliximab, adalimumab o inibitori della calcineurina come le ciclosporine).

TERAPIA BIOLOGICA

La terapia biologica ha raggiunto una forma di rivoluzione per quanto riguarda la CU. Gli agenti biologici terapeutici prendono di mira mediatori specifici nel processo biochimico dell’infiammazione. Infliximab, adalimumab e golimumab sono dei principi attivi che sono stati approvati negli ultimi anni come trattamento per la CU e possono aiutare a portare i pazienti in remissione o mantenerli in quello stato. Questi farmaci sono tutti antagonisti del TNF-alfa, il che significa che arrestano l’infiammazione all’inizio del processo. La gravità della malattia non ha importanza; la terapia biologica può aiutare in situazioni moderate o gravemente sviluppate. Ci sono ancora molti studi in corso per sviluppare farmaci più efficaci e il rapporto di feedback sui trattamenti di terapia biologica è molto promettente finora. Può aiutare a indurre anni di remissione e gli effetti collaterali sono quasi altrettanto gravi di quelli degli steroidi.

Inizialmente, il medico inietta il farmaco nell’addome o nel muscolo della coscia, ma in seguito il paziente può auto-somministrare la terapia. Per un miglioramento generale, è necessario assumere il farmaco ogni due settimane. Il primo traguardo è dopo otto settimane. Se la situazione del paziente non è migliorata in quel momento, forse la dose deve essere aggiustata. Se non ci sono progressi, il paziente non è suscettibile al farmaco e deve interrompere l’assunzione, cosa che può accadere in alcuni casi.

CHIRURGIA

Circa il 20% dei casi necessita di un intervento chirurgico per rimuovere la parte infiammata del colon e il rivestimento del retto. Dopo la maggior parte dei tipi di operazioni, i pazienti possono ancora avere i movimenti intestinali, ma in alcuni casi meno comuni, il paziente deve indossare una sacca per stomia che rimuove le feci dal corpo.

PRODOTTI A BASE DI CANNABIDIOLO (CBD)

Negli ultimi cinque anni, i prodotti a base di cannabidiolo (CBD) hanno ricevuto una crescente attenzione a causa della loro potenza nel ridurre l’infiammazione. Per questo motivo, è considerevole utilizzarlo per alleviare i sintomi della CU o di qualsiasi malattia infiammatoria intestinale. Il CBD è uno degli ingredienti attivi della cannabis. Non ha effetti psicoattivi, ma può alleviare lo stress, ridurre l’infiammazione e il dolore e rafforzare il sistema immunitario. Secondo gli studi più recenti, gli effetti del CBD sono incerti nei pazienti con CU e non ci sono prove che possano mettere le persone in remissione. Tuttavia, non c’è dubbio che sia utile per il dolore addominale cronico e per ridurre l’infiammazione. Può anche aiutare con la mancanza di appetito, riducendo il sangue nelle feci, l’affaticamento, la perdita di peso e riducendo la diarrea. Il CBD è per lo più pubblicizzato più come un integratore alimentare che come un farmaco, il che è essenziale da sottolineare. Combinare il CBD con una dieta specifica può ridurre i sintomi e le persone con CU generalmente riferiscono un miglioramento del loro stato di salute dopo averlo provato.


Terapia nutrizionale della colite ulcerosa

terapia nutrizionale della colite ulcerosa

Trovare la dieta giusta per la colite ulcerosa è difficile. Il mio precedente articolo sulla gestione dietetica della malattia di Chron descrive un approccio dietetico che ha molte somiglianze con altre malattie infiammatorie intestinali, inclusa la CU. Vi consiglio di leggere quell’articolo e di avere un quadro completo della gestione dietetica delle malattie infiammatorie intestinali. In questo post, approfondiremo alcune specificità di CU.

Di solito, è una buona idea iniziare con una dieta di eliminazione, il che significa che il paziente sta mangiando solo una varietà ridotta di cibo e aggiunge gradualmente tipi di cibo alla dieta. Il processo di eliminazione inizia con la riduzione o l’abbandono del tutto di determinati tipi di cibo che peggiorano i sintomi. La dieta non cura né modifica l’esito della malattia; aiuta solo a gestire il problema e tenere a bada i sintomi. In questo modo, la qualità della vita dei pazienti può migliorare e possono trovarsi in condizioni di salute generalmente migliori. Un tipo di dieta può funzionare per un paziente mentre può non portare benefici a un altro. Pertanto la scelta della dieta giusta sarà sempre un processo per tentativi ed errori.

DIETA A BASSO RESIDUO

Dal punto di vista alimentare, residuo significa tutto ciò che la digestione umana non può elaborare; quindi finisce nelle feci. Gli alimenti a basso contenuto di fibre sono consigliati perché sono più digeribili. Sono in grado di rallentare i movimenti intestinali; quindi la diarrea è limitata in una certa misura. Una dieta a basso residuo è naturalmente povera di fibre e, nonostante sia chiamata dieta povera di fibre, le due cose non sono esattamente la stessa cosa. In una dieta a basso residuo, la varietà di cibo consumato è più ampia; si possono mangiare prodotti lattiero-caseari come yogurt o ricotta e latte, burro di arachidi, succhi di frutta ma senza polpa e le carni sono ben cotte, ad esempio pollo, maiale o pesce. Si può anche mangiare pasta, pane bianco o cereali se contengono meno di 0,5 grammi di fibre per porzione. Anche frutta e verdura sono una buona idea, soprattutto banane mature e crude, anguria, pesche e albicocche, lattughe, spinaci, zucca, carote e cipolle.

DIETA A BASE DI CARBOIDRATI SPECIFICI

C’è molto interesse per il ruolo della dieta a base di carboidrati specifici (dall’inglese “Specific carbohydrate diet”) che viene utilizzata per il trattamento della malattia infiammatoria intestinale. Questa dieta dovrebbe contribuire a modificare il microbioma fecale da uno stato pro‐infiammatorio a uno non infiammatorio escludendo cibi ricchi di carboidrati complessi. Questa dieta esclude la maggior parte dei carboidrati amidacei (patate, mais, glutine e riso), gli additivi alimentari e i conservanti, pur consentendo alcuni tipi di frutta e verdura, noci, yogurt fermentato fatto in casa, carne, uova, burro e oli. Si è visto che, con questo tipo di dieta, nei bambini con malattie infiammatorie intestinali i parametri clinici e biochimici legati alla CU tendono a migliorare. Una percentuale di pazienti affetti da queste patologie che seguono questa dieta è stata in grado di sospendere gli agenti immunosoppressori.

Alimenti consentiti nella dieta dei carboidrati specifici:

  • Carni senza additivi, pollame, crostacei e uova
  • Alcuni legumi, inclusi fagioli marini secchi, lenticchie, piselli, piselli spezzati, anacardi non tostati e arachidi in guscio, burro di arachidi completamente naturale e fagioli di Lima
  • Latticini limitati a formaggi naturalmente senza lattosio come Parmigiano stagionato a 36 mesi, Montasio, Asiago stagionato, Emmental svizzero; anche lo yogurt fatto in casa e fermentato per almeno 24 ore può essere consumato. Per la lista completa dei formaggi naturalmente senza lattosio, si veda il libro che ho pubblicato su Amazon.
  • La maggior parte delle verdure e dei fagiolini freschi, congelati, crudi o cotti
  • Frutta fresca, cruda o cotta, congelata o secca senza zuccheri aggiunti
  • La maggior parte delle noci e delle farine di noci
  • La maggior parte degli oli, tè, caffè, senape, sidro o aceto bianco e succhi senza additivi o zuccheri
  • Miele come dolcificante

Alimenti che non sono ammessi nella SCD

  • Zucchero, melassa, sciroppo d’acero, saccarosio, fruttosio trasformato compreso lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio o qualsiasi zucchero trasformato
  • Tutti i cereali inclusi mais, frumento, germe di grano, orzo, avena, riso e altri. Quest’ultimo comprende pane, pasta e prodotti da forno realizzati con farina a base di cereali
  • Verdure in scatola con ingredienti aggiunti
  • Legumi non inclusi nell’elenco precedente
  • Alghe e sottoprodotti di alghe.
  • Tuberi amidacei come patate, patate dolci e rape
  • Carni in scatola e più lavorate
  • Olio di colza e maionese commerciale (a causa degli additivi)
  • Tutto il latte e i prodotti lattiero-caseari che contengono lattosio, come i formaggi freschi, lo yogurt commerciale, panna e panna acida e gelato.
  • Caramelle, cioccolato e prodotti che contengono FOS (frutto-oligosaccaridi).

DIETA A BASSO CONTENUTO DI FODMAP

FODMAP sta per “Fermentable Oligo-Di-Monosaccharides and Polyols”. Questa dieta si basa sull’idea che i carboidrati e lo zucchero scarsamente assorbiti possono portare a un eccesso di batteri intestinali, che causa infiammazione. Pertanto, il mezzo che i batteri usano come fonte di cibo deve essere cambiato, il che implica che la dieta del paziente deve essere povera di oligo-di-monosaccaridi e polioli fermentabili, poiché i batteri possono utilizzare come fonte di cibo per crescere. Una dieta a basso contenuto di FODMAP non può ridurre l’infiammazione, ma può ridurre gonfiore e gas e alleviare il disagio. Un bravo nutrizionista può aiutare a determinare quali zuccheri si possono consumare con questa dieta e cosa evitare. In generale, chi sceglie questa dieta può mangiare molte banane, sedani, mais, melanzane, lattuga, riso, avena, formaggio, miele, latticini, pollo, carne di maiale e pesce. I pazienti che seguono questa dieta dovrebbero stare lontani da mele (ad alto contenuto di oligo-frutto-saccaridi), ciliegie, pere, cavolini di Bruxelles, grano, segale, edulcoranti sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio.

Raccomandazioni generali per la colite ulcerosa

raccomandazioni generali per la colite ulcerosa
Doctor Giving Advice On Healthy Diet

Alcuni cibi e bevande possono aumentare l’infiammazione intestinale. Come regola generale, i seguenti tipi di cibo devono essere ridotti o evitati con la colite ulcerosa:

  • Alcol.
  • Prodotti ad alto contenuto di caffeina, come caffè, bevande energetiche, bibite gassate, cioccolato.
  • Bevande gassate.
  • Alimenti che contengono zolfo o solfato (additivo alimentare).
  • Alimenti ricchi di zucchero.
  • Latticini ad alto contenuto di lattosio (vedi sopra).
  • Carne lavorata (carne in scatola, salumi, ecc.).
  • Salse piccanti.

È utile compilare un diario alimentare mentre si provano nuove diete. Cose diverse possono funzionare per persone diverse e trovare la dieta giusta per i pazienti con colite ulcerosa non è una soluzione valida per tutti. Tenere un registro di ciò che si mangia può aiutare i medici ei consulenti dietetici a capire la dieta migliore per il paziente ed esporre quale tipo di cibo è necessario evitare perché molto probabilmente innescano l’infiammazione e causano le riacutizzazioni.

Prospettive future legate al trapianto di flora batterica intestinale

trapianto di microbiota intestinale

Studi degli ultimi anni suggeriscono che il microbioma dell’intestino gioca un ruolo significativo nella patogenesi della CU. Le specie della microflora dei pazienti differiscono sostanzialmente dalla microflora dei soggetti sani. I soggetti malsani mostrano generalmente bassi livelli di Firmicutes e Bacteroidetes e un aumento del livello di Lactobacillus. I membri di Desulfovibrio e Clostridium sembrano essere legati alla malattia. La domanda è se sia una causa o un effetto.

Il trapianto di microbiota intestinale è un altro possibile modo per curare la malattia e potrebbe aiutare a portare i pazienti in stati remissivi. Aumenta la richiesta di sviluppare una cura per la colite ulcerosa e la ricerca sul trapianto fecale. Altre terapie, come la terapia ormonale, la terapia biologica e la chirurgia, possono avere una bassa efficacia rispetto ai possibili esiti del trapianto fecale. L’idea principale del trapianto è rimuovere i batteri intestinali dai pazienti e reintrodurre una flora intestinale sana.

Durante il trapianto la flora sana colonizzerà le cellule della mucosa intestinale, aumentando la sua funzione di barriera. I batteri intestinali funzionano come una barriera chimica contro il cibo digerito. Questo processo controlla l’immunità dell’intestino; pertanto, un microbioma sano può portare a una risposta immunitaria sana e non iperattiva e a ridurre l’infiammazione. Uno degli svantaggi della terapia è che dopo il trapianto il paziente sarà più suscettibile alle infezioni intestinali perché l’omeostasi intestinale è disturbata.

Gianluca Tognon

Gianluca Tognon

Gianluca Tognon è un biologo specializzato in scienza dell’alimentazione. Ha lavorato per diversi anni come ricercatore presso l’Università di Göteborg in Svezia ed è docente presso l'università di Skövde in Svezia. In Italia ha pubblicato cinque libri su diversi temi legati all’alimentazione e alla nutrizione ed è co-autore di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali.

Leave a Replay

About Me

I’m an Italian nutrition coach, speaker, entrepreneur and associate professor at the University of Gothenburg. I started MY career as a biologist and spent 15 years working both in Italy and then in Sweden.

Recent Posts

Sign up for our Newsletter

We never send Spam

TORNA SU
Shares

Privacy Preference Center

Necessario

Determina se il visitatore ha accettato la casella del consenso sui cookie. Ciò garantisce che la casella del consenso sui cookie non verrà più presentata al momento del rientro

_cmpQcif3pcsupported

Pubblicità

Si tratta di cookie utilizzati da Google AdWords per monitorare il rendimento della pubblicità e offrire pubblicità ai visitatori in base ai siti Web visitati in precedenza.

ANID

analitica

Questi cookie sono utilizzati per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il nostro sito. Utilizziamo le informazioni per compilare report e per aiutarci a migliorare il Sito. I cookie raccolgono informazioni in forma anonima, compreso il numero di visitatori del Sito, da dove i visitatori sono giunti al Sito e le pagine che hanno visitato. Se non autorizzi questi cookie, non saremo in grado di includere la tua visita nelle nostre statistiche.

_ga, _gat, _gid, UULE, fca_eoi_pagecount, 1P_JAR

Comportamentale

Google imposta un numero di cookie su qualsiasi pagina che include una mappa di Google. Sebbene non abbiamo alcun controllo sui cookie impostati da Google, sembrano includere una serie di informazioni per misurare il numero e il comportamento degli utenti di Google Maps.

SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID