Rischi connessi al consumo di energy drink

di Gianluca Tognon

Qualche tempo fa la Food and Drug Administration (FDA) ha dichiarato che la caffeina è pericolosa se utilizzata come additivo nelle bevande alcoliche, come accade in molti energy drink disponibili sul mercato americano. Pare infatti che un numero crescente di studi dimostri come l’aggiunta diretta di caffeina alle bevande alcoliche non sia da considerare sicura, ma rappresenti invece un rischio reale per la salute.

Il consumo di energy drink è molto diffuso, soprattutto nei giovani, e negli Stati Uniti rappresenta un mercato da piú di 5 miliardi di dollari. In Italia, nonostante molti fra i più pericolosi drink siano vietati, purtroppo questi possono essere acquistati tranquillamente su internet. In commercio sono presenti molte bevande che contengono livelli talvolta considerevoli di caffeina (fino a 505 mg) rispetto ad altre bevande contenenti caffeina, come la coca-cola (34 – 54 mg) o una tazza di caffè espresso (30-50 mg). Una sfida importante per gli operatori sanitari e gli scienziati ora, è quella di capire quali effetti abbiano i numerosi prodotti energizzanti disponibili, anche perché il settore è poco regolamentato.

Va ricordato inoltre che anche il consumo di questi drink, anche quando non contengono alcol ma vengono comunque consumati in associazione a bevande alcoliche, puó comunque dar luogo a dei rischi. Nonostante si possa avere l’impressione che la caffeina neutralizzi gli effetti negativi dell’alcool, alcune ricerche hanno dimostrato che le persone che combinano bevande energizzanti con l’alcol tendono a sottovalutare il loro vero livello di compromissione a livello cognitivo. L’assunzione di caffeina dopo una bevuta potrebbe ridurre la sonnolenza, ma non permette di alleviare gli effetti sul cervello causati dall’alcol. Inoltre, il consumo associato di alcol e bevande energizzanti, mantenendo l’individuo sveglio più a lungo, può incrementare la quantitá di bevande assunte. Esistono infine dei sospetti che la caffeina possa favorire in qualche modo la dipendenza dall’alcol, ma i possibili meccanismi alla base di questa associazione non sono chiari e sono necessari altri studi per capire meglio questo eventuale meccanismo.

Per promuovere scelte di consumo informato, occorre fornire ai consumatori avvertimenti sui rischi legati al consumo di caffeina negli adolescenti e nelle donne in gravidanza, nonché fornire informazioni esplicite circa i potenziali rischi associati alla miscelazione di bevande energetiche con l’alcol.

Gianluca Tognon

Gianluca Tognon

Gianluca Tognon è un biologo specializzato in scienza dell’alimentazione. Ha lavorato per diversi anni come ricercatore presso l’Università di Göteborg in Svezia ed è docente presso l'università di Skövde in Svezia. In Italia ha pubblicato cinque libri su diversi temi legati all’alimentazione e alla nutrizione ed è co-autore di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali.

Leave a Replay

About Me

I’m an Italian nutrition coach, speaker, entrepreneur and associate professor at the University of Gothenburg. I started MY career as a biologist and spent 15 years working both in Italy and then in Sweden.

Recent Posts

Sign up for our Newsletter

We never send Spam

TORNA SU
Shares

Privacy Preference Center

Necessario

Determina se il visitatore ha accettato la casella del consenso sui cookie. Ciò garantisce che la casella del consenso sui cookie non verrà più presentata al momento del rientro

_cmpQcif3pcsupported

Pubblicità

Si tratta di cookie utilizzati da Google AdWords per monitorare il rendimento della pubblicità e offrire pubblicità ai visitatori in base ai siti Web visitati in precedenza.

ANID

analitica

Questi cookie sono utilizzati per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il nostro sito. Utilizziamo le informazioni per compilare report e per aiutarci a migliorare il Sito. I cookie raccolgono informazioni in forma anonima, compreso il numero di visitatori del Sito, da dove i visitatori sono giunti al Sito e le pagine che hanno visitato. Se non autorizzi questi cookie, non saremo in grado di includere la tua visita nelle nostre statistiche.

_ga, _gat, _gid, UULE, fca_eoi_pagecount, 1P_JAR

Comportamentale

Google imposta un numero di cookie su qualsiasi pagina che include una mappa di Google. Sebbene non abbiamo alcun controllo sui cookie impostati da Google, sembrano includere una serie di informazioni per misurare il numero e il comportamento degli utenti di Google Maps.

SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID