10 consigli dietetici utili a chi é allergico al nichel

Nickel material sign
10 consigli per chi é allergico al nichel

Foto: Depositphoto

di Gianluca Tognon

Il nichel è un oligoelemento onnipresente ed é la causa più comune di allergia ai metalli. L’allergia al nichel è un problema ricorrente e cronico, che può svilupparsi a qualsiasi età e che colpisce più le donne degli uomini. Il cibo è considerato una delle principali fonti di esposizione al nichel per la popolazione generale e la presenza di una quantità sufficiente di nichel nella dieta di una persona sensibile a questo metallo può provare la dermatite. La dieta è quindi uno strumento importante per controllare i sintomi di questa allergia.

Non è sempre facile stabilire quali alimenti evitare, poiché normalmente gli alimenti vegetali sono più ricchi di nichel di quelli di origine animale e la concentrazione di nichel negli alimenti di origine vegetale dipende dalla quantità di nichel nel terreno dove sono stati coltivati, oltre che dall’eventuale contaminazione di terreno con scarichi industriali e rifiuti urbani e distanza del suolo dalle fonderie di nichel.

Anche alcuni farmaci e integratori alimentari contengono nichel.

Ecco quindi dieci consigli utili per chi soffre di allergia al nichel[1]:

  1. Evitare tutti gli alimenti che contengono un elevato contenuto di nichel, come cacao, cioccolato, gelatine, semi di soia, farina d’avena, legumi (fagioli, piselli, lenticchie, arachidi), noci, nocciole e mandorle, semi di girasole e di lino.
  2. Evitare tutte le bevande e gli integratori vitaminici con nichel oltre che il cibo in scatola. Il nichel si dissocia dal metallo della lattina trasferendosi al cibo in scatola.
  3. I tessuti animali contengono generalmente meno nichel rispetto ai tessuti vegetali. Carne, pollame e uova sono adatti per dieta a basso contenuto di nichel. Fatta eccezione per alcune varietà di pesci che mostrano un’alta concentrazione di nichel come tonno, aringhe, crostacei, salmone e sgombri, il pesce può essere consumato tranquillamente nell’ambito di una dieta a basso contenuto di nichel.
  4. Il contenuto di nichel del latte è basso. Pertanto il latte e i suoi prodotti come burro, formaggio, fiocchi di latte e ricotta possono essere consumati tranquillamente.
  5. Il contenuto di nichel nei cereali è basso. Gli alimenti preparati con riso (brillato), il grano raffinato o il mais (corn flakes, pop corn, ecc,) sono ammessi.
  6. Patate, cavoli e cetrioli possono essere consumati. Tuttavia, verdure come la cipolla e l’aglio, molto popolari nel nostro paese, dovrebbero essere consumati con moderazione.
  7. Le verdure a foglia verde possono essere consumate con moderazione a causa della possibilità di contenere quantità considerevoli di nichel. Le foglie giovani sono da preferirsi alle foglie più vecchie in quanto contengono quantità minori di nichel. Nessun problema invece per i funghi.
  8. Tra i frutti, si possono consumare banane (con moderazione), mele (fino a 3-4 volte a settimana) e agrumi (fino a 3-4 volte a settimana).
  9. Tè e caffè possono essere consumati con moderazione (fino a 2 tazze al giorno).
  10. Durante la cottura, gli utensili metallici non devono essere utilizzati e vanno sostituiti con altri di plastica. I cibi acidi (ad es.: pomodori, salsa di pomodoro) non devono essere cotti in stoviglie di acciaio inossidabile, poiché gli acidi possono favorire il rilascio di nichel dalla pentola e quindi il suo passaggio al cibo che viene cucinato. Anche il primo flusso d’acqua che esce la mattina dal rubinetto non deve essere bevuto o utilizzato per la cucina poiché il nichel può essere rilasciato dai tubi durante la notte.

Per concludere, è chiaro che avere una buona conoscenza degli alimenti che contengono nichel è sicuramente utile per una corretta gestione di questa allergia nei soggetti che presentano dermatite.

Sei allergico al nichel? Contattami e ti aiuterò a trovare la dieta giusta per te!

Riferimenti bibliografici

[1] Sharma AD. Low Nichel Diet in Dermatology. Indian J Dermatol. 2013 May-Jun; 58(3): 240.

[2] Patriarca M, Lyon TD, Fell GS. Nichel metabolism in humans investigated with an oral stable isotope. Am J Clin Nutr. 1997;66:616–21.

[3] Tallkvist J, Bowlus CL, Lonnerdal B. Effect of iron treatment on nichel absorption and gene expression of the divalent metal transporter (DMT1) by human intestinal Caco-2 cells. Pharmacol Toxicol.2003;92:121–4.

[4] Roy CN, Enns CA. Iron homeostasis: New tales from the crypt. Blood. 2000;96:4020–7.

Gianluca Tognon

Gianluca Tognon

Gianluca Tognon è un biologo specializzato in scienza dell’alimentazione. Ha lavorato per diversi anni come ricercatore presso l’Università di Göteborg in Svezia ed è docente presso l'università di Skövde in Svezia. In Italia ha pubblicato cinque libri su diversi temi legati all’alimentazione e alla nutrizione ed è co-autore di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali.

Leave a Replay

About Me

I’m an Italian nutrition coach, speaker, entrepreneur and associate professor at the University of Gothenburg. I started MY career as a biologist and spent 15 years working both in Italy and then in Sweden.

Recent Posts

Sign up for our Newsletter

We never send Spam

TORNA SU
Shares

Privacy Preference Center

Necessario

Determina se il visitatore ha accettato la casella del consenso sui cookie. Ciò garantisce che la casella del consenso sui cookie non verrà più presentata al momento del rientro

_cmpQcif3pcsupported

Pubblicità

Si tratta di cookie utilizzati da Google AdWords per monitorare il rendimento della pubblicità e offrire pubblicità ai visitatori in base ai siti Web visitati in precedenza.

ANID

analitica

Questi cookie sono utilizzati per raccogliere informazioni su come i visitatori utilizzano il nostro sito. Utilizziamo le informazioni per compilare report e per aiutarci a migliorare il Sito. I cookie raccolgono informazioni in forma anonima, compreso il numero di visitatori del Sito, da dove i visitatori sono giunti al Sito e le pagine che hanno visitato. Se non autorizzi questi cookie, non saremo in grado di includere la tua visita nelle nostre statistiche.

_ga, _gat, _gid, UULE, fca_eoi_pagecount, 1P_JAR

Comportamentale

Google imposta un numero di cookie su qualsiasi pagina che include una mappa di Google. Sebbene non abbiamo alcun controllo sui cookie impostati da Google, sembrano includere una serie di informazioni per misurare il numero e il comportamento degli utenti di Google Maps.

SID, SAPISID, APISID, SSID, HSID, NID